Milo è un gattino tutto nero, unico sopravvissuto della sua cucciolata. La mamma, una bellissima gatta di strada bicolore, gli ha trasmesso un virus che gli ha causato una sindrome del sistema nervoso. Milo cammina a zig zag, traballa, cade all’indietro: soprattutto, non riesce a saltare. Quando anche mamma gatta lo lascia solo, Milo sembra destinato a una brutta fine… Poi però, in una notte di temporale, l’incontro con una ragazza cambierà la sua vita e Milo avrà una casa, un’affettuosa e paziente nuova mamma umana e tanti amici: il gabbiano Virgilio, lo scorpioncino G-Attila, il riccio Giulia… Le difficoltà non sono certo finite per il nostro supergattino pasticcione, ma l’amore e i preziosi consigli di chi gli sta vicino gli faranno apprezzare la sua unicità, la sua forza e la bellezza della vita. Una storia di amicizia, amore e resilienza, una favola per tutti, con un protagonista unico che rimane a lungo nel cuore dei lettori.

 

 

Costanza Rizzacasa d’Orsogna, giornalista e saggista, è laureata in scrittura alla Columbia University di New York. Scrive sul Corriere della Sera, dove tiene la fortunata rubrica Io e Milo, e sul dorso culturale la Lettura.